Ormai la Timeline di Facebook è arrivata sui profili di tutti. Volenti o nolenti, chi prima e chi dopo, ci siamo passati tutti. Ora Facebook costringe anche tutti gli amministratori di pagine a fare il grande passo. Chi gestisce una o più pagine, ha ancora a disposizione tre settimane per provare la Timeline sulla propria pagina in anteprima, sistemarla e pubblicarla. Il 30 marzo scatterà la tagliola: tutte le pagine passeranno automaticamente al nuovo layout, senza alcuna eccezione.

Il nuovo aspetto grafico prevede un’immagine di copertina nella parta alta della pagina. Sul lato destro, la storia della pagina, disposta in ordine anticronologico, dal mese più recente in giù, come già accade in modo molto simile per i nostri profili privati. Quindi dove sono le differenze rispetto all’attuale stile? La prima è la possibilità di “appuntare” un post in evidenza nella parte alta della pagina. Un’altra è rappresentata dal box che contiene le attività dei fan sulla pagina – le famose notifiche. Le pagine Tab funzionano ancora, ma non è più possibile settare una Tab creata da noi come “pagina di atterraggio” per chi arriva sulla nostra pagina. Il nuovo pannello di amministrazione, il log delle attività e le nuove funzionalità per inviare messaggi diretti aiuteranno gli amministratori a gestire la loro comunità di fan.

Ecco più in dettaglio le novità maggiori introdotte dalla Timeline nelle pagine:

Immagine di copertina

Le pagine hanno ora a disposizione una grande immagine (851 x 315 pixel) per comunicare il messaggio del loro brand. Sembra una specie di banner, anche se Facebook vieta di inserirvi prezzi, sconti, informazioni su eventuali acquisti: non è permesso nemmeno inserire i propri contatti né alcuna call-to-action. Il motivo? Facebook teme che  gli utenti possano cadere in confusione: se le pagine iniziassero a usare le immagini di copertina come veri e propri banner pubblicitari, chi saprebbe più distinguerle dagli ads a pagamento?

Timeline

Gli amministratori delle pagine hanno la possibilità di dare più evidenza a un post piuttosto che a un altro, in modo molto simile a quel che già accade con gli eventi della nostra vita inclusi nella Timeline del nostro profilo. Le pagine possono anche nascondere un singolo post senza per forza doverlo cancellare: questo consentirà di visualizzare al pubblico solo i post più chiacchierati, senza essere costretti a dover disfarsi d’informazioni importanti. Altra importante novità è la possibilità di “attaccare” un post alla parte alta della pagina: questi post potranno restare in top-position fino a sette giorni. A differenza di quel che accade su Twitter, questi “pinned post” sono disponibili per tutte le pagine, e non solo per le aziende che investono decine di migliaia di euro in pubblicità.

Pannello di amministrazione

Il nuovo pannello di amministrazione appare ora nella parte alta della pagina e consente di accedere alle statistiche di Insights, di vedere tutte le notifiche delle attività compiute dagli utenti sulla pagina e di leggere i messaggi in arrivo. Ecco un’altra novità. Le pagine possono ora ricevere i messaggi dagli altri utenti di Facebook. Questa nuova caratteristica incrementerà senz’altro le discussioni private tra pagine e fan, anche se è stata prevista un’importante limitazione: le pagine non possono iniziare la conversazione attraverso i messaggi diretti, ma solo rispondere a un eventuale messaggio inviato da un fan.

Il pannello di amministrazione include altre voci importanti, come la “Richiesta di cambiare il nome alla propria pagina”.

Log delle attività

Come accade per i profili privati, i log delle attività si rivelano molto utili nel caso si voglia trovare e modificare dei post vecchi. Con la nuova Timeline anche gli amministratori delle pagine avranno questa possibilità: potranno sfogliare tutti i post e i contenuti condivisi, suddivisi per anno o tipologia. Il log è visibile solo agli utenti che amministrano la pagina.

Applicazioni

Dulcis in fundo, le applicazioni, che con la nuova Timeline trovano una nuova collocazione, a destra, sotto la foto di copertina. Le icone delle App avranno ora una dimensione maggiore (111 x 74 pixel anziché i 16 x16 delle favicon attuali). Cambia anche la larghezza di ogni Tab, che ora può arrivare fino a 810 pixel.

Scompare la possibilità di settare una Tab di benvenuto predefinita scelta tra quelle create da noi. Per ovviare, Facebook consiglia di inserire un “pinned post” nella Timeline con un link alla Tab che ci interessa. Ovviamente non sarà mai la stessa cosa. Come prescritto dalle nuove linee guida, non sarà possibile aggiungere alcuna immagine che inviti con parole o segni grafici a cliccare su una Tab o a compiere qualunque altra azione. Il social network sembra quindi che voglia poco a poco fare a meno delle Tab applications.

Questo è tutto, a quanto pare. E voi? State già usano la Timeline nella vostra pagina?

Traduzione liberamente tratta da: Inside Facebook

Tag: , ,